EP 23 – Sono pronto per ricominciare

ASCOLTA TUTTI GLI EPISODI

parte1-34

Dimenticate i vostri anni, qualsiasi sia la vostra età, anche voi, oggi, state per avere 34 anni…

 

 

 

Mi chiamo Salem Rachid, ho 34 anni, sono in Italia da quasi 15 anni. Vivo a Padova. Galzignano Terme, provincia di Padova. Faccio di mestiere il cuoco. Lavoro in un ristorante sui colli euganei che si chiama Bettola del Refosco. Faccio anche un po’ di pubblicità. Sono fidanzato con un’italiana. Sto vivendo il miglior tempo della mia vita che non ho avuto prima. (…) Ti chiamano compagnie vecchie. Ti dice, dai vieni torniamo a fare. Io ho scelto di cambiare vita.Io lavoro, dormo tranquillo, sono rilassato. Sto da dio. Ho sofferto, ho fatto tanti tanti anni di carcere, quasi 14 anni di carcere. E sono giovane per la mia fortuna anche. (Rachid, 34 anni)

 

***

 

Bartali aveva 34 anni e con quella vittoria comincia la seconda parte della sua vita sportiva. Nel 1948 la guerra è finita da poco e l’Italia è un paese piegato in due. Il 30 giugno parte il tour de France. Per l’Italia i più forti, Coppi e Magni, sono rimasti a casa. Il capitano è Bartali, ha vinto 10 anni prima, ma ha già 34 anni e si ha l’impressione che la guerra lo abbia privato dei suoi anni migliori. (…) Forse si è esagerato dicendo che Bartali con la sua vittoria ha evitato una guerra civile, ma certamente è stato quello l’episodio più evidente, dal dopoguerra a oggi, di come lo sport possa penetrare nella vita politica di uno Stato. Lo ha fatto facendo bene, quello che sapeva fare, ovvero pedalare più veloce di tutti.

***

Chi di voi porta un coltello come un portachiavi? Io ho cominciato così. A 17 anni uscivo dal liceo con la mia ragazza no. C’erano due deficienti, del mio paese, che vengono tutti i giorni a fare i bulli. Che hanno cominciato a corteggiarla in modo volgare, fastidioso. Sono andato da loro e gli ho detto – Ragazzi, almeno per corteggiare una ragazza ci vuole un modo. Abbiamo litigato no, verbalmente e io ho visto che loro volevano attaccarmi. E la prima cosa che ho pensato avevo un portachiavi, avevo il coltello come portachiavi. L’ho tirato e li ho spaventati. Questi qua sono scappati via, hanno visto il coltello e sono scappati via. Ma da quel giorno in testa mia mi è rimasto che io con un coltello in tasca posso affrontare qualsiasi persona. Non è vero. E non è vero, perchè ti da un momento di coraggio va bene, ma tu dopo non pensi mai alle conseguenze. Eccola la mia conseguenza. Che ne ho fatto? La vita. L’età più bella della mia vita l’ho passata in galera. Questa è la mia esperienza. (Rachid, 34 anni) 

 

PLAYLIST
Je Viens Des Quartiers – N.A.P.
The Man comes around – Johnny Cash
Somebody was watching – Pop Staples

 

 

Comments

comments



Una replica a “EP 23 – Sono pronto per ricominciare”

  1. Marti scrive:

    Grazie, mi avete fatto commuovere e pensare che in fondo la speranza c’é sempre. Bisogna tener duro e andare avanti, sempre. Grazie e complimenti

Lascia una risposta